Il festival Silence è un festival di arte acusmatica nato in Puglia nel 2004 per iniziativa di Franco Degrassi 

con la collaborazione di Jonathan Prager.

Prager, a partire da Silence, ha introdotto anche in Italia, attraverso la sua pluriennale attività di formazione, la figura dell'interprete acusmatico costruendo nei fatti una "scuola" di interpretazione con corsi che sono stati tenuti, per la Puglia, a Bari ma anche presso il Conservatorio di Lecce ed altre istituzioni.

 

 

Silence presenta ogni anno opere del repertorio acusmatico "classico" e contemporaneo, senza preclusioni di generi o poetiche e con la massima apertura ad aree di "confine" con la popular music.

 

A partire dall'edizione 2015 il festival ospita anche una sezione dedicata dalla musica "mista", strumenti "live" + acusmatica.

 

 

Il festival, sul modello della rassegna francese Futura organizzata da Motus, propone la centralità esecutiva dell'interprete acusmatico : ciò significa che le opere non vengono mai eseguite dai rispettivi compositori ma sono affidate a musicisti specializzati che cercano di tradurre lo spazio interno dell'opera nello spazio esterno della sala.

 

In questo contesto, quindi, il concetto di "interpretazione" sembra più appropriato di quello di "regia sonora" e si avvicina molto a quello di interpretazione vocale o strumentale nella musica "classica".

 

Silence è totalmente aperto alle proposte degli autori acusmatici con particolare attenzione a gruppi appartenenti alle Scuole di Musica Elettronica dei Conservatori o gruppi di affinità per poetiche, tecnologie o strutture organizzative.

 

Silence è stato sostenuto (per periodi diversi e con discontinuità) dalla Regione Puglia, dalla Provincia di Bari, dal Comune di Bari e dalla Circoscrizione "Carrassi S.Pasquale".