english version below

 

L'acusmonium M.ar.e è stato promosso nel 2004, è il dispositivo che consente di realizzare annualmente il festival Silence ma anche concerti al di fuori dallo Spazio Silence. L'acusmonium è costituito attualmente da una cinquantina di altoparlanti hi-fi e p.a., da una consolle di controllo e da altri dispositivi.

Sia per motivi di costo che per scelta "politica" sono utilizzati materiali (nei limiti del possibile) "poveri", talora "riciclati"o autocostruiti.

Si intende così sostenere che la qualità della proiezione sonora è legata, sopratutto, all'eterogeneità ed alla "personalità" di ogni coppia di diffusori in relazione alle altre.

 

Elenco materiali

 

CONSOLLE: Mixer Allen & Heath Gl 3000 32 vie, Mixer Soundcraft Spirit Live 4 24 vie, 2 splitter di segnale autocostruiti 2-48, 2-24, amplificatori p.a. Inter-M e vecchi ampli hi-fi

ALTOPARLANTI : B&W Lm1, Warfedale Diamonds 7.2, Jbl Control 1x, Monitor Audio Monitor 7, Lem k450, Ar 4xa, Jbl Decade 36, Rcf Br1027, General Music Ellipse lps10, Yamaha sx20, Bouyer Boule, Db k162, Audiodesign Pax8, Bakes & Muller aml 30, Jbl Tlx 2, Hk Lucas Nano 300, Electrovoice s80, Indiana Line 3x, Indiana Line 021, Sanyo 625, Klh model 331,autocostruite con 5 woofer in parallelo, Esb 7/08 II, 1 Ar17 + 1 Esb Cdx, 2 corone di tweeter Motorola, 2 autocostruite con woofer da 36.

 

Sullla base di un modello proposto da Jonathan Prager l'acusmonium M.ar.e si articola in:

2 casse di riferimento, di buona qualità, collocate di fronte al pubblico, in posizione centrale;

una serie di coppie stereofoniche frontali, posteriori e laterali che moltiplicano l'immagine sonora configurando "schermi sonori" di differente ampiezza, distanza dal pubblico e qualità timbrica;

altoparlanti specializzati nella riproduzione di parti limitate dello spettro sonoro (bassi, sovracuti...).

L'intervento dell'interprete acusmatico stabilisce quale coppia o gruppo di coppie debba operare in un dato momento della proiezione sonora valorizzando in sala lo spazio interno dell'opera concepito dal compositore in studio e fonofissato sul supporto. I parametri controllabili risultano essere quindi la distanza del suono dal pubblico e la sua tridimensionalità, l'intensità, la densità complessiva degli altoparlanti in azione, la velocità della trasformazione da uno spazio ad un altro.

 

 

The M.are acusmonium was created in 2004 and is still conduct by M.ar.e (Music & Electronic Arts) association in Bari.

The acusmonium has also performed in other festivals such as "Angelica" (Bologna), "Metamorfosi" (Cesena), "Urti/Canti" e "Machinae" (Bari), "Bande a sud" (Lecce).

The acusmonium consist of about forty speakers hi-fi and p.a., of a control audio console and other devices.

Both for economic and "political" reasons, "poor" components (if at all possible) have been used, even those recycled or homebuilt.

M.ar.e think that the quality of the sound projection depends above all on the heterogeneity of the speakers and the "personality" of each pair of speakers in relation to the others.

 

 

List of equipements

 

CONSOLLE: Mixer Allen & Heath Gl 3000 32 channels, Mixer Soundcraft Spirit Live 4 24 chanels, 2 splitter homebuilt 2-48, 2-24, amplifiers p.a. Inter-M and old amplifiers hi-fi

ALTOPARLANTI : B&W Lm1, Warfedale Diamonds 7.2, Jbl Control 1x, Monitor Audio Monitor 7, Lem k450, Ar 4xa, Jbl Decade 36, Rcf Br1027, General Music Ellipse lps10, Yamaha sx20, Bouyer Boule, Db k162, Audiodesign Pax8, Bakes & Muller aml 30, Jbl Tlx 2, Hk Lucas Nano 300, Electrovoice s80, Indiana Line 3x, Indiana Line 021, Sanyo 625, Klh model 331,homebuit with 5 woofer with parallel connection, Esb 7/08 II, 1 Ar17 + 1 Esb Cdx, 2 group of tweeter Motorola, 2 homebuilt with a 36 woofer.

According to a model proposed by Jonathan Prager the M.ar.e acusmonium consist of:

2 speakers of reference, good quality, facing the audience, at the centre of the concert hall;

a series of pairs of stereos in front of, behind and on each side of the audience that multiply the sound image making "sound screens" of different width, distance and timbre quality;

"dedicated" speakers taht reproduce narrow parts of the sound spectrum (low, high..).

The acousmatic interpreter, at each moment of the performance, activates a pairs of speakers or a group of pairs, bringing out in the concert hall the "inner space" of the composition that was conceived by the author and fixed on the support.

So the relevant parameters are the sounds' perceived distance and tridimensionality, the loudness, the number of speakers in action, the velocity of the transformation from one space to another.